Recensione, Walk the edge (Per sempre con te)

Pubblico questa recensione in concomitanza con l’uscita italiana del libro di Katie McGarry, Walk the edge, il secondo libro della Thunderoad Series. La McGarry  è per me un rifugio sicuro, una delle poche autrici di cui potrei leggere persino la lista della spesa. Questo secondo volume non mi ha deluso, anzi, mi sono innamorata di Razor e Brenna.

walk-the-edge-le-tazzine-di-yoko
*5 stelle non bastano*

Questo è uno di quei libri che non riesci a posare finché non sei giunto al termine, uno di quei libri in cui salteresti le pagine per sapere come finiscono e li lasceresti in stand-by solo per non separarti dai protagonisti.
Di certo uno dei più bei libri letti quest’anno.
Amo la McGerry, credo che sia una delle mie scrittrici preferite e con questa nuova storia si è dimostrata una certezza. Prima di questo libro, Noah ed Echo erano in assoluto una delle mie coppie preferite ma Razor e Bre, wow, se lo sono sudato quel podio.
Da dove iniziare?
Avete amato Sons of Anarchy? Leggete questo libro!
Amate la storia di Romeo e Giulietta? Leggete questo libro!
Cosa possono avere in comune la secchiona della scuola, quella strana che non trova posto nemmeno nella sua confusa famiglia e un motociclista bello e dannato, considerato una mina vagante anche dai suoi compagni di club? Niente, o forse tutto.
C’è tutto nella storia di Razor, aka Thomas Turner ma non chiamatelo per nome!, e Breanna. In questo libro c’è amore, c’è pathos (il finale mi ha ucciso!), c’è accettazione, c’è coraggio, c’è senso di appartenenza, c’è disagio, c’è scoperta, c’è davvero tutto, trattato con la solita delicatezza della McGerry.
Non voglio dire di più per non fare spoiler, ma davvero, leggetelo!

The boy everyone sees but nobody knows is with the girl who everybody knows but nobody sees.”

Lascia un commento