Fiction, Victoria. Season 1

Settembre è notoriamente un periodo di stacco per le serie tv americane, quest’anno la ITV ha deciso di calare un poker d’assi riempiendo questo slot vacante con la messa in onda di una delle serie più attese della stagione: Victoria. Un serie che vede come protagonista Jenna Coleman, già nota come companion di Peter Capaldi in Doctor Who, nelle vesti di Alexandrina Victoria, futura sovrana d’Inghilterra.

victoria-serie-tv

La serie, composta di soli otto episodi, percorre l’arco temporale dal momento in cui Victoria scopre di essere appena divenuta la futura regina fino alla maturità, raggiunta nei primi anni di matrimonio.

Esterne mirabili e costumi curatissimi, come già visto in Dowton Abbey, fanno da sfondo alla storia della giovane Victoria, improvvisamente al centro del mondo. La serie ci fa conoscere i capricci e le insicurezze che la storia non ci racconta; assistiamo anche ad alleanze e tentativi di manipolazione della giovane sovrana, da parte dei membri della sua famiglia e del parlamento. Sullo sfondo assistiamo alle vicende della servitù, proprio come in Downton Abbey (tra la servitù ritroviamo una vecchia conoscenza: Nell Hudson, aka Laoghaire in Outlander).

Di puntata in puntata osserviamo la ragazzina diventare regina, sotto la guida di Lord Melbourne. La serie non si tira indietro nel mettere in luce la duplicità del loro rapporto, nonché la sua sconvenienza, dati i trascorsi dell’uomo e la differenza d’età.

Non manca la parte sentimentale, che raggiunge il suo massimo con l’introduzione del Principe Albert, cugino di Victoria e suo futuro marito. Albert è forse il personaggio più bello della serie, leale e onesto, deciso a non essere una comparsa al fianco della moglie. Deciso ad aiutarla in ogni modo, senza mai mettere in dubbio la sua autorità verso il popolo. Albert è senza dubbio il personaggio meglio caratterizzato, assie108604937-victoria-jenna-tom-1-large_transeo_i_u9apj8ruoebjoaht0k9u7hhrjvuo-zlengrumame a Lord Melbourne .

Le varie fasi, dal fidanzamento combinato
all’innamoramento dei due giovani, sono trattate in modo splendido, delicate e toccanti senza scadere nel facile sentimentalismo.

La storia è fluida e scorrevole, le puntate viaggiano che è un piacere e si fanno guardare con leggerezza e interesse. Gli intrighi di corte e le gelosie vanno di pari passo con la storia d’Inghilterra, dalle rivolte alla rivoluzione industriale, alla svolta di modernità improntata da Victoria e Albert.

La storia è semplice ma accattivante,  ti tira dentro senza sconvolgimenti e senza nemmeno permetterti di rendertene conto.

Oggi andrà in onda l’ultima puntata, e sono contenta di sapere che la seconda serie è già stata confermata.

 

 

Lascia un commento